NOI NON CE LA GIOCHIAMO

* AICS Solidarietà *
Convegno sulla LUDOPATIA:
- NOI NON CE LA GIOCHIAMO -
° Ludopatia, un problema sociale, una dipendenza patologica che compromette la vita nel complesso universo del gioco d'azzardo°
SABATO 17 NOVEMBRE 2018 ore 9
Villa Arrivabene, Piazza Alberti
Consiglio di Quartiere 2

Sarà presente anche l'ANCI Associazione Nazionale Comuni Italiani per presentare la Legge di iniziativa popolare per l'introduzione dell'insegnamento di Educazione alla Cittadinanza come materia con voto autonomo nei curricula scolastici di ogni ordine e grado.

La ludopatia è una malattia descritta come "l’incapacità del soggetto che ne è colpito di resistere all’impulso di giocare d’azzardo o fare scommesse".

Nel 2017 gli italiani hanno speso circa 96 miliardi di euro tra videolottery, bingo, scommesse virtuali, pronostici sportivi e altri giochi d'azzardo.

Nell’ultimo anno 18 milioni di italiani adulti (uno su tre) hanno giocato d’azzardo almeno una volta e di questi più di 1 milione e mezzo sono giocatori così detti problematici.

Sono in molti a non riuscire a controllarsi: in Italia, le statistiche parlano di oltre 12 mila persone in cura per ludopatia nelle strutture sanitarie pubbliche.

Al Convegno, presentato dal presidente dell'Associazione AICS Solidarietà Firenze Gabriele Brogelli e presieduto dall'Onorevole Rosa Maria Di Giorgi, partecipano le Associazioni Libera Toscana, Cittadinanza Attiva, Antropologiche e la Cooperativa Gustavo Console.

Negli interventi dei relatori verranno illustrate innanzitutto le leggi vigenti a livello sia nazionale che regionale e i regolamenti comunali che riguardano il gioco d'azzardo.

Verranno approfondite le implicazioni che portano ad un forte interesse della criminalità organizzata nei confronti di coloro che a seguito delle perdite al gioco sono costretti a ricorrere a prestiti onerosi e usurai.

Le donne non sono certamente esenti dal fenomeno della ludopatia. Si prende quindi in esame anche questo aspetto, generalmente sottovalutato ma che le statistiche sottolineano come molto diffuso e che riveste una forte incidenza sulla vita delle relazioni umane e familiari.

Hanno fornito la propria collaborazione il CESVOT(Centro Servizi Volontariato Toscano), il Comune di Firenze - Quartiere 2, il Comitato prov.di AICS e l'emittente radiofonica regionale “Radio Toscana”.

Banca Etica ha concesso all'iniziativa il proprio patrocinio gratuito.